Descrizione progetto

Il percorso dedicato al Grande Museo del Duomo inizia con la visita guidata della Cattedrale di Santa Maria del Fiore per apprezzare il suo interno, l’affresco raffigurante il Giudizio Universale di Giorgio Vasari e la sua cripta che con i reperti e gli scavi dell’antica chiesa di Santa Reparata, ci svelerà la sua origine e la sua antica storia che ha reso la piazza del Duomo di Firenze una delle più eleganti d’Europa. Una volta usciti dalla Cattedrale di Santa Maria del Fiore entreremo all’interno del Battistero dedicato a San Giovanni patrono della città,  il Battistero è,  infatti, un luogo unico per la città, ricco di storia e arte, grazie sopratutto ai suoi eleganti pavimenti e al suo meraviglioso mosaico a foglia d’oro che ricopre l’intera superficie del soffitto e che rende il suo interno pieno di spiritualità.

La visita guidata continua all’interno del Museo del Duomo, dedicato all’intero complesso monumentale del Duomo, dove troveremo la ricostruzione dell’antica facciata di Arnolfo di Cambio, opera indiscussa del gotico fiorentino e fiore all’occhiello del Museo e potremmo apprezzare inoltre le porte originali del Battistero, tra cui la celebre Porta del Paradiso realizzata nel 1425 da Lorenzo Ghiberti e finalmente visibile dopo 27 anni di restauro all’interno della sala principale del Museo del Duomo. Passando poi nelle altre sale espositive potremmo ammirare da vicino l’emozionante statua della Maddalena penitente di Donatello e la celebre Pietà chiamata “Bandini” del grande artista fiorentino Michelangelo.

Potremmo poi continuare la nostra visita guidata recandoci al secondo piano con la storia del Campanile di Giotto per apprezzarne l’architettura e le sue decorazioni in marmo, tra cui i bassorilievi e le statue dei vari profeti inserite originariamente nelle nicchie. Concluderemo parlando poi delle due Cantorie realizzate da Luca della Robbia e da Donatello, splendide opere del primo Rinascimento e della celebre Cupola di Brunelleschi. Vi svelerò i suoi misteri, ne capiremo la struttura e la tecnica che la rese la prima cupola “auto portante” del mondo.